· 

MENTAL TRAINING: l’ABC DELLA GESTIONE MENTALE - LA VOCE DEI BIKERS

Nei programmi televisivi dedicati allo sport, così come in molte dirette televisive, si sente spesso parlare i telecronisti ed i presentatori di concentrazione, gestione emotiva, gestione dell’ansia, approccio mentale alla gara.. ricordando il ruolo indiscusso della gestione mentale all’ interno di qualunque disciplina sportiva.

 

Queste ed altre abilità mentali possono essere APPRESE e RAFFORZATE attraverso le tecniche già citate di MENTAL TRAINING.

 

A tal proposito nell’ articolo di oggi desidero riportarvi alcuni feedback di  atleti che nell’ ultimo anno sono stati protagonisti dei miei percorsi di Mental training.

 

L’obiettivo è condividere con voi le sensazioni, gli apprendimenti ed i BENEFICI che atleti, professionisti ed amatori (ciascuno con i propri obiettivi) si sono “portati a casa” dall’ apprendimento dell’ ABC del mental training.

 

Quale “valore aggiunto” ti ha portato questo percorso di mental training?

Da questo percorso mi porto a casa una maggior consapevolezza di me stesso, sia sotto l’aspetto atletico che sotto l’aspetto umano; ho imparato a cercare dentro di me ciò che mi serve nei momenti di difficoltà”;

 

“Ho più fiducia nelle mie capacità, ora mi sento più sicuro e anche se a volte non va come avrei voluto, riesco a focalizzare cosa devo fare per passare oltre e andare avanti..”

 

 “È stata un’esperienza positiva, mi porto a casa un tassello importante per migliorare la mia performance.”

 

“Ho imparato a vedere i miei punti di forza, prima ero troppo concentrato nel vedere ciò che non riuscivo a fare e spesso mi innervosivo, non mi sentivo all’ altezza dei miei obiettivi, mi sentivo inferiore ad altri corridori e miei compagni di allenamento..”

 

Il più delle volte, in modo inconsapevole, gli atleti alimentano la propria convinzione di essere poco abili e prendono la CATTIVA abitudine di interpretare tutto ciò che gli accade intorno alla luce di questa convinzione, finendo inevitabilmente per confermarla (in una sorta di circolo vizioso).

 

Questo atteggiamento non fa’ che impoverire la percezione di auto efficacia dell'atleta.

 

Con la consulenza di un professionista ed attraverso le tecniche di mental training atleti e sportivi sviluppano un atteggiamento mentale più consapevole e sicuro dei propri mezzi.

Trovi che l’apprendimento delle principali strategie e tecniche di gestione mentale ti sia stato utile per ottimizzare la tua preparazione e l’approccio in vista delle gare? In che modo?

 

“E’ stato molto utile soprattutto per le gare ma anche per gli allenamenti. Prima di iniziare questo percorso ero molto ansioso nelle fasi di avvicinamento alle gare; Inoltre durante la competizione non riuscivo a concentrarmi, i pensieri negativi mi attraversavano la mente danneggiando in modo sensibile la prestazione. Con le tecniche imparate ho superato in modo sereno questo scoglio.”

 

“ Si, penso che questo percorso mi abbia aiutato molto durante la preparazione nell’avere un focus ben preciso su ciò che facevo e anche nei momenti di maggiore fatica ho trovato grazie alla mente quella spinta in più..”

 

Le tecniche di mental training, se allenate quotidianamente, diventano parte integrante dell’ atteggiamento mentale dell'atleta, il quale in gara ed in allenamento si troverà così ad adottare spontaneamente la tecnica giusta al momento più opportuno e lo farà in modo del tutto spontaneo e naturale.

 

 

Fra le tecniche apprese, quale trovi ti sia stata particolarmente utile?

 “Ho trovato tutte le tecniche apprese molto utili anche se in contesti differenti, tuttavia quella che ad oggi sento di utilizzare di più è la tecnica di gestione del dialogo interno.”

 

“Praticando le tecniche di rilassamento ho imparato a riconoscere e a sciogliere delle tensioni fisiche che non pensavo di avere ed insieme ad esercizi di Mindfulness ho trovato il metodo per liberare la mente lasciando correre via i pensieri.”

 

“Ho trovato molto utile la tecnica della “scatola nera” per chiudere fuori di me le preoccupazioni inutili; Le visualizzazioni mentali guidate generano delle sensazioni positive che riesco poi a ricreare in me anche nei momenti di gara.”

 

“Mi è piaciuto il fatto di avere una persona al di fuori della sfera privata che mi aiutasse ad analizzare e migliorare ciò che facevo in gara ed in allenamento, ascoltandomi e facendomi ragionare..”

 

Gli atleti “personalizzano” le tecniche apprese, rendendole assolutamente uniche e personali.

 

Al termine del percorso di mental training l'atleta si ritrova così nella sua “cassetta degli attrezzi” quegli “strumenti” in più che gli serviranno per gestire la sua mente in ogni istante, dalla preparazione alla gara.

 

Da quel momento in poi l'atleta potrà estrarre al momento opportuno la “chiave” giusta per accedere allo stato mentale che precede l’espressione della propria massima performance.

 

Consiglieresti questo percorso di mental training ai tuoi amici e colleghi sportivi?

“Si, lo consiglierei perché è un percorso che già nei primi incontri ti permette di scoprire alcuni aspetti della tua personalità e di modificare alcune abitudini che prima credevo essere funzionali..” 

“Ho imparato a definire i miei obiettivi e la strada per raggiungerli, lo consiglio! è bello avere una persona esterna che mi motiva, mi aiuta a vedere la situazione da altri punti di vista che prima non riuscivo a cogliere..”

 

“lo consiglio perché alla fine ti rendi conto che è tutta questione di saper gestire la mente; ho sempre pensato che certe cose non si potessero controllare, invece non è così! Sono io che scelgo dove dirigere l’attenzione! Sono io che mi faccio venire l’ansia e così come la creo posso anche prevenirla, gestirla ed il mental training ti insegna come farlo.”

 

In un mondo, quello dello sport, in cui l’obiettivo consiste nel confronto con sè stessi, nel superamento dei propri limiti e nella massima espressione delle  potenzialità all’ interno della performance, la consapevolezza di sé stessi sotto il profilo fisico e mentale rappresenta di certo un aspetto rilevante e le tecniche di Mental training rappresentano l’ABC della gestione mentale.

 

Dott.ssa Claudia Maffi